Etanolo – una sostanza ricca di sfaccettature

L’etanolo è una sostanza ricca di sfaccettature. Può essere miscelato con acqua e molti altri liquidi e mantiene un forte potere solvente per molte sostanze.

Etanolo – una sostanza ben tollerata

Rispetto ad altri detergenti usuali, l’etanolo presenta molti vantaggi. Di seguito trovate riassunte alcune delle sue proprietà.

 

Grazie alla sua bassa tossicità, la concentrazione massima ammissibile sul posto di lavoro (MAC) è di due volte e mezzo inferiore a quella dell’isopropanolo, del metanolo e del metiletilchetone nonché di dieci volte maggiore a quella del toluolo.

  

Diversamente da altri solventi, l’etanolo non rappresenta in generale un pericolo per le acque. Solo le soluzioni di etanolo concentrate al 70 per cento hanno un effetto letale sui batteri, mentre l’etanolo diluito viene degradato nel ciclo di vita biologico da microorganismi senza alcun problema. Per contro, la degradazione dell’isopropanolo, del metanolo e del metiletilchetone è possibile solo in modo limitato. Il toluolo e altri solventi aromatici non devono venire a contatto né con le acque né con il suolo.

 

Al termine dei processi di degradazione biologica e di combustione di etanolo si ottiene solo anidride carbonica (CO2) e acqua, vale a dire due sostanze naturali. L’etanolo di origine agricola, come quello commercializzato da alcosuisse (ad eccezione di una minima parte di alcol sintetici per applicazioni specializzate), può essere definito come CO2 neutrale, poiché il carbonio è stato estratto dall’atmosfera durante la sintesi effettuata dalle materie prime vegetali.

 

Anche in riferimento alle cause dell’ozono troposferico, l’etanolo, in quanto composto organico volatile (COV), incide solo in misura esigua e risulta essere sostanzialmente migliore rispetto al metiletilchetone o al toluolo. Inoltre, nella legislazione nazionale l’etanolo è classificato come «meno importante».

 

Nell’industria cosmetica o farmaceutica l’etanolo è una sostanza molto diffusa e serve viepiù quale surrogato per l’isopropanolo e per altri solventi fossili che derivano dalla petrolchimica e che non sono rinnovabili.

Il mercato internazionale dell’etanolo

A livello mondiale vengono prodotti ogni anno circa 80 miliardi di litri di etanolo. L’etanolo è prodotto in circa 75 Paesi; ben il 90 per cento dell’intera produzione proviene dagli USA e dal Brasile. La produzione di etanolo offre in modo particolare ai Paesi in sviluppo ed emergenti una possibilità per diversificare il loro assortimento delle merci d’esportazione ed è collegata nei Paesi interessati all’offerta di molti posti di lavoro.

 

L’etanolo è spesso ottenuto come prodotto secondario dalla melassa risultante dalla trasformazione dello zucchero di canna e delle barbabietole nonché da cascami e residui di amido derivanti dalla produzione di frumento o mais.

 

Solo circa il 10 per cento dell’etanolo prodotto a livello mondiale arriva sul mercato internazionale. La maggior parte viene utilizzata direttamente nei Paesi produttori. A dipendenza della domanda mondiale e dei raccolti la quantità di etanolo prodotta a livello mondiale può subire forti oscillazioni.

 

Il mercato internazionale dell’etanolo non è disciplinato e non contempla né standard di qualità né una borsa merci. Questa situazione offre possibilità per un’attività imprenditoriale e senza burocrazia. Alcosuisse possiede esperienza pluriennale nel settore dell’etanolo e dispone in tal modo di conoscenze approfondite in materia di acquisto sul mercato mondiale. Grazie alla collaborazione di lunga data con diversi produttori e commercianti in tutto il mondo, alla propria osservazione mirata del mercato e a una grande capacità di deposito, alcosuisse è in grado di sfruttare le possibilità del mercato e di effettuare acquisti a prezzi convenienti.

 

Alcosuisse copre il suo intero fabbisogno sul mercato mondiale. Tra i più importanti fornitori rientrano il Brasile e il Pakistan, seguiti da diversi Stati dell’area europea. L’approvvigionamento di etanolo della Svizzera viene effettuato via nave attraversando diversi porti fluviali del mare del nord. Da qui l’etanolo viene trasportato con vagoni cisterna nelle aziende di Delémont e Schachen.

Separazione del mercato

Il mantenimento della separazione del mercato tra l’etanolo tassato per scopi voluttuari e alimentari e l’etanolo non tassato per scopi industriali viene effettuato per mezzo della cosiddetta denaturazione. Denaturare significa modificare l’odore, il sapore o l’aspetto (colore) naturale di una sostanza mediante l’aggiunta di sostanze ausiliarie.

 

Allo scopo di impedire il consumo di etanolo non tassato, la Regìa federale degli alcool sorveglia la produzione, l’importazione e l’impiego di etanolo.

Alcosuisse - il vostro partner per l'etanolo